fbpx

Ricevi le novità

Inserisci la tua mail per non perdere le novità e gli articoli del mese

Autori Pro

Immagine A.i. esulatanza portiere
Autore Pro

Gli Effetti Psicologici dei Comportamenti del Portiere

La finale della Champions League del 2005 tra Liverpool e Milan è ricordata per i movimenti psicologicamente destabilizzanti del portiere Jerzy Dudek. I suoi comportamenti hanno influenzato negativamente i rigoristi del Milan, dimostrando l’importanza delle tattiche psicologiche nel calcio.

Leggi di più »
colori e fantasia; graffette; psicologia positiva;
Autore Pro

Dalla Psicologia Positiva alle canzoni, impariamo la tecnica per una buona vita

La psicologia positiva, introdotta da Martin Seligman nel 1999, mira a bilanciare l’approccio tradizionale della psicologia, concentrato sul trattamento dei disturbi mentali, con un modello che valorizza il benessere e il pieno potenziale umano. Questa disciplina, basata sull’empirismo, identifica cinque elementi fondamentali del benessere, sintetizzati nell’acronimo PERMA: emozioni positive, impegno, relazioni positive, significato e raggiungimento degli obiettivi. Contrariamente al comune malinteso, la psicologia positiva non ignora le emozioni negative ma cerca di comprendere come favorire una vita appagante. Differisce dal pensiero positivo, poiché non si limita a incoraggiare un’ottica sempre positiva, ma indaga scientificamente i processi che stanno alla base della qualità della vita e delle emozioni positive.

L’aspetto innovativo di questa prospettiva è l’integrazione della musica come mezzo per aumentare il benessere, non solo come sollievo dalla malattia. La musica, accessibile e motivante, si adatta bene ai principi di autodeterminazione della psicologia positiva. Questo approccio differisce dalla musicoterapia, che impiega la musica in un contesto professionale terapeutico. La psicologia positiva utilizza la musica per rafforzare i concetti del modello PERMA, incoraggiando le persone a scegliere la musica che rispecchia i loro valori e contribuisce al loro benessere personale.

Leggi di più »

Autori Occasionali

Uncategorized

Il problema etico dietro la manipolazione fotografica

L’articolo esplora la crescente consapevolezza sulla manipolazione fotografica, evidenziando come la percezione della realtà possa essere distorta dall’editing delle immagini. Benché la tecnica di alterazione delle immagini sia antica quanto la fotografia stessa, i moderni strumenti di editing hanno reso queste pratiche più accessibili e sofisticate, permettendo a chiunque di modificare profondamente una foto. Queste manipolazioni, sebbene artisticamente valide, possono avere impatti negativi, come la diffusione di standard di bellezza irrealistici e la disinformazione. Infine, l’articolo sottolinea l’importanza di sviluppare un pensiero critico per riconoscere e interrogarsi sull’autenticità delle immagini visive, specialmente in un’era in cui le false immagini sono pervasive.

Leggi di più »
Psicolab
Psicoterapia e Psicoanalisi

Quattro Domande a Romeo Lucioni

L’autore esplora le radici della violenza giovanile e dei crimini efferati, collegandoli al declino dell’empatia e al dominio della razionalità illuminista che sopprime altre funzioni mentali essenziali come le emozioni. Sottolinea che le capacità mentali emergono non solo dalla genetica, ma anche dallo sviluppo emotivo, iniziato nelle prime relazioni infantili con i genitori. La mancanza di un solido legame affettivo può portare a disturbi di personalità borderline, caratterizzati da egocentrismo, distacco emotivo e a volte violenza estrema.

Leggi di più »
Immagine A.i. esulatanza portiere
Autore Pro

Gli Effetti Psicologici dei Comportamenti del Portiere

La finale della Champions League del 2005 tra Liverpool e Milan è ricordata per i movimenti psicologicamente destabilizzanti del portiere Jerzy Dudek. I suoi comportamenti hanno influenzato negativamente i rigoristi del Milan, dimostrando l’importanza delle tattiche psicologiche nel calcio.

Leggi di più »
colori e fantasia; graffette; psicologia positiva;
Autore Pro

Dalla Psicologia Positiva alle canzoni, impariamo la tecnica per una buona vita

La psicologia positiva, introdotta da Martin Seligman nel 1999, mira a bilanciare l’approccio tradizionale della psicologia, concentrato sul trattamento dei disturbi mentali, con un modello che valorizza il benessere e il pieno potenziale umano. Questa disciplina, basata sull’empirismo, identifica cinque elementi fondamentali del benessere, sintetizzati nell’acronimo PERMA: emozioni positive, impegno, relazioni positive, significato e raggiungimento degli obiettivi. Contrariamente al comune malinteso, la psicologia positiva non ignora le emozioni negative ma cerca di comprendere come favorire una vita appagante. Differisce dal pensiero positivo, poiché non si limita a incoraggiare un’ottica sempre positiva, ma indaga scientificamente i processi che stanno alla base della qualità della vita e delle emozioni positive.

L’aspetto innovativo di questa prospettiva è l’integrazione della musica come mezzo per aumentare il benessere, non solo come sollievo dalla malattia. La musica, accessibile e motivante, si adatta bene ai principi di autodeterminazione della psicologia positiva. Questo approccio differisce dalla musicoterapia, che impiega la musica in un contesto professionale terapeutico. La psicologia positiva utilizza la musica per rafforzare i concetti del modello PERMA, incoraggiando le persone a scegliere la musica che rispecchia i loro valori e contribuisce al loro benessere personale.

Leggi di più »
donna; maschera; teatro;
Disturbi e Psicopatologie

La prosopagnosia

Un disturbo poco conosciuto ma che colpisce un numero significativo di persone: la Prosopagnosia.
Come si sviluppa e come si cura.

Leggi di più »
Greg Guillemin; wonder pee; immagine;
Autore Pro

Luci automatiche a San Siro

Psicodramma dei bagni delle donne Parliamo delle luci automatiche nei bagni pubblici. Parliamone. O meglio, che facciano coming out quei signori che ne hanno definito la durata di

Leggi di più »
logica; irrazionale; razionale;
Autore Pro

IL PUNTO SUL PROCESSO ANEVROTICO IN PSICOLOGIA

A seguito dell’osservazione del Processo Anevrotico applicato alla Psicoterapia (PAT), si ha l’immagine della comunicazione umana che si propaga tramite condizioni percettive di grande potenza. Ne deriva che il singolo essere è inserito in una rete di scambio psichico in grado di modellare la stessa società di cui è parte.
Le caratteristiche mentali non sono spiegabile con i soli elementi comunicativi verbali e non verbali, ma viene ipotizzato un canale di trasmissione completamente inconsapevole, che consente una maturazione psicologica che avviene in tutto l’arco dell’esistenza, mediante uno scambio di significati che plasmano l’individuo, fin da quando esiste la specie umana.
La comunicazione che attinge a sistemi conosciuti non è sufficiente a spiegare il grande passaggio di significati che avviene tra gli uomini. Per mezzo di una capacità specifica e difficilmente accessibile passa un messaggio incancellabile, necessario per progredire nell’adattamento alla vita.

Dunque, le capacità comunicative umane non si limitano al linguaggio verbale, oppure alla comunicazione non verbale (CNV), fatta di gesti e posture. Questo ed altro ancora è emerso dall’indagine di capacità comunicative umane, in grado di dare vita ad uno scambio circolare tra il soggetto e la società di cui è parte. Ogni uomo ha azione su ogni altro, per mezzo di un canale di trasmissione inconsapevole che ha il nome di Piano α.

Leggi di più »
caduta; sport; aiuto;
Comportamento

Psicotraumatologia e medicina nello studio dell’obesità.

Lo studio vuole verificare: la correlazione tra PTSD e BMI, la correlazione tra PTSD e infiammazione, la correlazione tra livello di obesità e QoL, la correlazione tra istruzione e BMI ed il PTSD attraverso l’uso di psicofarmaci. In collaborazione con la dott.ssa Schimenti è stato selezionato con campionamento casuale un gruppo di 45 pazienti obesi (≥ 18 anni, Valle di Susa).

Leggi di più »
fame; covid;
Comportamento

Quando mangiare non sazia

Il nostro corpo non risponde soltanto ad impulsi di natura fisiologica. L’aspetto motivazionale si lascia condizionare dalla dimensione emotiva individuale e dalle interazioni di quest’ultima con il contesto socio-ambientale. Persino stimoli primari come la fame possono così risultare sottoposti all’influenza di stati emotivi e trasformarsi nello strumento espressivo di un disagio non verbalizzato, con conseguenze anche gravi per la salute.
Nel caso della fame emotiva l’assunzione di cibo di sregolata diventa il mezzo di controllo di un carico stressogeno che non riusciamo a dominare con l’utilizzo di coping funzionali. Il significato affettivo connesso al cibo si sostituisce a quello primariamente nutrizionale, alterandone la natura e le finalità.
In un periodo di stress come quello creato dalla pandemia la fame emotiva si sta mostrando un pericoloso mezzo di gestione di stati affettivi disfunzionali. Contrastarne il diffondersi è possibile quanto doveroso.

Leggi di più »
Anelli; Scelta; Matrimonio;
Autore Pro

Matrimoni & Decisioni

Sposarsi o meno è una decisione difficile; ci accompagnerà tutta la vita.
Come facciamo a selezionare il partner ideale?
Utilizziamo le regole delle teorie normative che prevedono informazione perfetta, tempo illimitato e complessi calcoli logico-matematici?
Ciò ci permetterà di selezionare il partner ideale, ma siamo sicuri che sia fattibile?
No.
Allora come facciamo? Spesso seguiamo i suggerimenti del cuore e ci accontentiamo necessariamente del partner sufficientemente buono.
E se il matrimonio si rivela un fallimento?
Perché a volte perseveriamo nel portarlo avanti?
Possono la teoria della decisione e l’economia comportamentale darci una chiave di lettura?

Leggi di più »
carezza; bambino; mano;
Studio e Analisi

Pedofilia, un crimine infanticida

di Enrico Russo Dalla Definizione di Pedofilia, la analisi Percorso criminologico, psicologico e giuridico della pedofilia La pedofilia, diversamente dalla sua etimologia (dal greco “amore per il fanciullo”),

Leggi di più »
decidere;
Cervello

Le Emozioni nel Processo Decisionale

LE EMOZIONI NEL PROCESSO DECISIONALE di Rebecca Farsi L’importanza del marcatore somatico L’aspetto fisiologico è una componente essenziale e indefettibile delle emozioni: possiamo anzi affermare con certezza che

Leggi di più »
bibbia; tavolo;
Comportamento

Come le nostre emozioni influenzano la realtà

Vangeli gnostici, New Thought e Fisica Quantistica. Il XX secolo è stato ricco di cambiamenti che hanno dato una svolta epocale alla concezione non solo della mente e del corpo, ma anche dello spirito.
In che modo queste tre aree apparentemente cosi diverse fra loro posso trovare il punto di congiunzione?
Approfondimento e ricerca aiutano a trovare le convergenze ed a identificare in noi stessi dei potenziali nascosti che sono introdotti in alcuni vangeli gnostici, sostenuti dal new thought e più recentemente confermati dalla fisica quantistica.

Leggi di più »
Laboratoria; microscopio;

Genetica vs Epigenetica

Studi scientifici dimostrano come, al giorno d’oggi, tutto il nostro essere non è solo il frutto della genetica in quanto tale. E’ importante considerare una serie di altri fattori che ci portano ad essere il risultato che siamo.

Leggi di più »
Psicolab
Disturbi e Psicopatologie

Disregolazione dell’Umore dirompente nel DSM V

Il disturbo da disregolazione dell’umore dirompente (DMDD), riconosciuto dal DSM-5, si distingue per aggressività cronica e irritabilità nei giovani, differenziandosi dal disturbo bipolare. I criteri diagnostici includono scoppi d’ira frequenti e umore persistente disforico. Nonostante le critiche, studi suggeriscono che DMDD non necessariamente evolve in bipolarismo, richiedendo una prudente diagnosi e trattamento.

Leggi di più »
Ragazza Annoiata;
Individuo

4 passi per aumentare l’autostima sul lavoro

L’articolo suggerisce quattro passi per rafforzare l’autostima sul lavoro, una componente chiave per il successo professionale e personale. Primo, prendere decisioni autonomamente per sviluppare fiducia nelle proprie capacità, anche attraverso gli errori che insegnano e migliorano le prestazioni. Secondo, evitare confronti con i colleghi che possono minare l’autostima, e invece trarre ispirazione dai loro successi per migliorare. Terzo, imparare a dire di no per proteggere i propri obiettivi e la fiducia in se stessi. Quarto, riconoscere e valorizzare le proprie capacità specifiche, collaborando con altri per sfruttare al meglio le diverse competenze. Questi passi non solo migliorano l’efficienza lavorativa, ma aiutano anche a mantenere il benessere psico-fisico.

Leggi di più »
Burnout; moto; Valentino Rossi;
Disturbi e Psicopatologie

Burnout: cos’è e come combatterlo

Il burnout è una sindrome caratterizzata dal completo esaurimento energetico e mentale, legata principalmente al contesto lavorativo e a tensioni con i colleghi o discrepanze di valori personali e aziendali. Le cause includono mancanza di riconoscimento e obiettivi non chiari, mentre la prevenzione e il trattamento possono avvenire attraverso la psicoterapia, miglioramento dei rapporti lavorativi e bilanciamento tra lavoro e vita privata.

Leggi di più »
Cervello

Perché il gioco può fare bene al cervello

I videogiochi, sempre più popolari, offrono varietà e sfida mentale, similmente a giochi tradizionali e giocattoli. Il gioco, fondamentale nell’infanzia per lo sviluppo motorio e sociale, dovrebbe mantenere un ruolo anche negli adulti, aiutando a mantenere vivo il “bambino interno”. Gli adulti possono divertirsi con ogni tipo di giocattolo, spesso legati a nostalgia o hobby come puzzle e modellismo. Il gioco stimola l’immaginazione, la creatività e la mente, agendo come antistress. Gli adulti non dovrebbero vergognarsi di giocare, che sia con videogiochi o giocattoli tradizionali, perché risveglia la gioia e beneficia la mente

Leggi di più »