Robot in Casa e a Scuola

  1. Homepage
  2. sviluppo cognitivo

Pepper, “il primo robot del mondo con emozioni”, è un umanoide di 121 centimetri e dotato di un “emotion engine”, grazie al quale è in grado di interpretare le emozioni degli esseri umani, traducendone il linguaggio corporeo ed interpretandone le espressioni facciali e il tono della voce. Nei test preliminari alla sua produzione da parte della Softbank, è risultato utile nell'assistenza...

Leggi di Più»

Si intitola “Depressione: il sole nero”  il convegno, che sarà ospitato a Roma, venerdì 29 e sabato 30 giugno 2012, nella sala conferenze dell’ Istituto Salesiano Pio XI di Via Umbertide 27, organizzato dall’ARPCI, Associazione per la Ricerca in Psicoterapia Cognitivo – Interpersonale (scuola di specializzazione quadriennale in psicoterapia cognitivo interpersonale). Dopo una breve...

Leggi di Più»

La Cattedra di Biologia e Genetica del Comportamento II del prof. Fulvio Palma, presso l'Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo", presenta il seminario "Le forme dell'intelligenza", che si terrà il 9 marzo. Relatori: Prof. Marco Gori (Università di Siena): Intelligenza umana ed artificiale: lo stato dell’arte; Prof. Brunetto Chiarelli e dott.ssa M. Giulia Fiore (Università di Firenze):...

Leggi di Più»

Il deficit che riscontriamo nell’autismo, inerente allo sviluppo del linguaggio, racchiude al suo interno un repertorio difficilmente limitabile di conseguenze che, inevitabilmente, non sfociando solo nell’area comunicativa, interessa gli aspetti più vari che caratterizzano la vita di un individuo autistico. Sappiamo che esiste una vasta gamma di capacità nascoste che sottostanno al codice l...

Leggi di Più»

Gli studi sulla misurazione dell’intelligenza si interessano alle differenze individuali, focalizzando l’attenzione sul quanto dello sviluppo cognitivo piuttosto che sul che cosa, sul perché o sul come. Questo è stato storicamente il primo approccio allo studio dello sviluppo cognitivo, nato con i test che misuravano il quoziente intellettivo, che erano il rapporto tra età mentale, v...

Leggi di Più»

In Europa, alla fine degli anni ’80, si è sviluppato un filone di ricerche che aveva come oggetto la comprensione degli stati mentali altrui da parte dei bambini. Si tratta di rappresentazioni di intenzioni, credenze, desideri, ossia tutti quegli stati mentali che stanno dietro al comportamento osservabile guidando le interazioni e le interpretazioni. Il possesso di questa teoria ingenua, ci pe...

Leggi di Più»

Questa studiosa americana si pone l’obiettivo di spiegare quale sia lo sviluppo dei contenuti della conoscenza, ovvero come si evolve il sistema concettuale che racchiude tutte le conoscenze date dall’esperienza personale passata. Concetto chiave è quello di memoria a lungo termine, suddivisa in memoria episodica e memoria semantica. La memoria episodica incorpora la storia del...

Leggi di Più»

Per Bruner il funzionamento del cervello plasma la cognizione, ma la cultura ha la capacità di estendere il ragionamento oltre i suoi limiti naturali. Secondo questo autore tutti i processi mentali sono originati da un fondamento sociale e culturale, da una influenza dei simboli, delle ideologie, delle convenzioni; tutto ciò avviene per mezzo delle relazioni sociali di cui il bambino ha bisogno...

Leggi di Più»

La realtà è qui rappresentata da simboli e segni convenzionali, arbitrari e quindi non necessariamente somiglianti alla realtà; pensando al linguaggio, simbolo per eccellenza, ci accorgiamo che tra esso e la realtà esiste una mediazione data dal significato della parola. Quando il linguaggio viene interiorizzato, esso diviene strumento cognitivo, sistema di codifica della realtà molto flessib...

Leggi di Più»