fbpx

Scuola: quello che attiene al mondo scolastico, dell’età evolutiva in termini di apprendimento e di comportamento.

Un romanzo illustra ai ragazzi le dinamiche di gruppo e la varietà dei modelli organizzativi. L’autore è Fabio Morabito e il romanzo si intitola “Quando le pantere non erano nere”, Può essere letto nelle scuole per introdurre preadolescenti e adolescenti all’osservazione delle relazioni nei gruppi. Chi ha letto “I ragazzi della Via Pal” di Molnar sa...

Leggi di Più»

La paura del buio è un fenomeno molto frequente nei bambini di età compresa tra i due e cinque anni. È infatti a partire da questa età, che i bambini sviluppano la consapevolezza del pericolo, che diventa così elemento della loro immaginazione. La notte, caratterizzata dal buio e dal silenzio, diventa il momento più adatto per mettere in moto fantasie sui mostri ed esseri mi...

Leggi di Più»

Guardando all’amicizia intima come ad un processo continuo di sviluppo che include gli aspetti più maturi sotto la stessa definizione concettuale, è stata formulata la seguente definizione: L’amicizia intima è una configurazione di elementi diversi, ma coerentemente collegati e quantitativamente proporzionati. Il contenuto dell’amicizia intima comprende 8 dimensioni: 1:...

Leggi di Più»

Il bullismo può essere considerato una sottocategoria del comportamento aggressivo, con alcune caratteristiche distintive: - intenzionalità: il comportamento in oggetto è volto a creare un danno alla vittima; le diverse forme in cui si manifesta: si può avere prepotenza fisica, verbale, indiretta; - sistematicità: il fenomeno ha caratteristiche di ripetitivi...

Leggi di Più»

La sequenza classica dell’apprendimento prevede un percorso circolare che inizia dall’esperienza la quale rimanda un feed-back che contribuisce a formare o integrare un modello teorico e tutto ciò viene trasferito a future esperienze, fungendo da guida. Ma cos’è che spinge ad apprendere? O forse ci si potrebbe domandare cos’è che ci impone di apprendere dal momento che l’apprendiment...

Leggi di Più»

La figura dell’orientatore fa parte delle cosiddette nuove professioni nate perché un bisogno latente è stato trasformato in domanda. Ma che differenza c’è tra una “vecchia” ed una “nuova” professione? La differenza sostanziale è data dal fatto che per comprendere in cosa consiste una professione classica (vecchia) è sufficiente sapere che tipo di lavoro è, mentre per comprendere...

Leggi di Più»

Cos’è l’orientamento? Da un punto di vista etimologico il termine latino oriens (participio presente del verbo orior) significa oriente, che sorge. Orientare oppure orientarsi? In questo caso la diatesi del verbo (attiva o passiva) diventa fondamentale in quanto rende l’idea della trasformazione che nel tempo ha avuto l’attività orientativa. L’evoluzione che porta alla concezione attua...

Leggi di Più»

Un primo argomento di interesse è quello dello sviluppo corporeo, della maturazione puberale, seguito poi dalle nuove capacità di ragionamento date dalla comparsa del pensiero ipotetico-deduttivo; altri temi ai quali i genitori sono sensibili riguardano la scelta degli amici, il pericolo della devianza, l’idea di sé che il giovane va maturando, le grandi scelte della vita circa la scuo...

Leggi di Più»

Questo periodo va dai 7 ai 12 anni, sicuramente quindi argomento fondamentale è l’inserimento nella scuola elementare, che ha visto l’introduzione di materie nuove come l’educazione all’immagine, al suono e alla musica, o la lingua straniera; una nuova immagine è quella dell’allievo divenuto interlocutore attivo, che si forma anche esternamente alla scuola, il che investe i geni...

Leggi di Più»

Si parla di un periodo che va dai 4 ai 6 anni, periodo in cui si fanno le prime esperienze autonome e si può dunque discutere sulla relativa maturità dei tre anni, sulla possibilità che egli sperimenti un tranquillo allontanamento temporaneo da casa senza ansie eccessive. In questo periodo si manifestano anche nuovi interessi, si potrà parlare del gioco simbolico e delle sue funzioni: r...

Leggi di Più»