Informazioni sull'autore

Disponibile Solo versione Premium

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Disponibile Solo versione Premium

La misurazione dello sviluppo sociale e interpersonale: alcuni esempi

Breve Estratto

Il sistema di codifica relazionale di Alan Fogel è volto a cogliere la qualità della comunicazione e nasce dall’idea che questa sia un evento dinamico che si fonda sulla capacità di regolare il proprio comportamento su quello altrui, quindi ha come oggetto di analisi il tipo di negoziazione raggiunto ogni volta dai partner. I segnali prodotti da ciascuno sono il risultato di un processo e vanno interpretati come dipendenti dalla relazione; la comunicazione è quindi un processo continuo di mutuo adattamento. Secondo Fogel, il processo di negoziazione interpersonale fa sì che l’informazione sia continuamente elaborata dai partecipanti e non solo trasmessa; il tema si modifica nel corso del processo, il risultato è il contributo congiunto dei partecipanti. Questo strumento distingue gli episodi comunicativi in base alle azioni nuove prodotte e a quelle ripetitive che irrigidiscono la comunicazione in forme stereotipate. Se la co-regolazione è buona gli episodi comunicativi mostrano coinvolgimento reciproco, elaborazione congiunta e innovazione creativa dei significati.
Scale di Valutazione Comportamentale per genitori di bambini da 2 a 6 mesi di età, ideate da Laicardi e coll. per osservare in modo standardizzato il comportamento del bambino piccolo in contesti di interazione reciproca con il genitore; è composto da 24 item che descrivono comportamenti globali del bambino in cinque situazioni diverse della vita quotidiana. Per ogni contesto il genitore osserva la frequenza di comportamenti molari relativamente all’orientamento del capo e degli occhi e del corpo, alle espressioni facciali e alle vocalizzazioni, spontanee o dialogiche. Le stesse situazioni sono osservate in contesti diversi, l’idea di fondo è quindi che il contesto influenzi i comportamenti
Osservare i disegni dei bambini offre l’occasione di una lettura quantitativa e sistematica degli elementi simbolici e non interpretativa. Le ricerche che usano i disegni come strumenti, forniscono spesso compiti contrastivi, perché il paragone aiuta a selezionare gli elementi più caratterizzanti. Le scale utilizzate per la lettura dei disegni nell’ambito delle ricerche sullo sviluppo sociale sono: coesione, distanziamento, somiglianza, valore, clima emotivo, perturbazione.

Condividi questo Post
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ARTICOLI RECENTI
ARTICOLI CORRELATI
Iscriviti alla Newsletter