Informazioni sull'autore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

L’Abisso del Sé: Satanismo e Sette Sataniche

Breve Estratto

La presenza di un Entità, di un Essere, realmente esistente ed agente, denominato in infiniti modi ma essenzialmente come "Satana, il Diavolo" e non già di un Principio meramente metafisico, allegorico o simbolico della condizione di finitezza dell'essere umano e del suo complesso rapporto con la dimensione del "Male", appartiene a tutte le epoche, le culture, le religioni. Pur nei processi di secolarizzazione che caratterizzano la contemporaneità, questa presenza permane a volte in modo sotterraneo, a volte riemerge prepotentemente sia nel discorso religioso, in quello psicanalitico, antropologico, criminologico e di ogni altro genere, nonché nei fatti di cronaca che segnalano la persistenza di delitti e gruppi che si richiamano al culto di "latria" a Satana e alle sue schiere.

La presenza di un Entità, di un Essere, realmente esistente ed agente, denominato in infiniti modi ma essenzialmente come “Satana, il Diavolo”  e non già di un Principio meramente metafisico, allegorico o simbolico della condizione di finitezza dell’essere umano e del suo complesso rapporto con la dimensione del “Male”, appartiene a tutte le epoche, le culture, le religioni.
Pur nei processi di secolarizzazione che caratterizzano la contemporaneità, questa presenza permane a volte in modo sotterraneo, a volte riemerge prepotentemente sia nel discorso religioso, in quello psicanalitico, antropologico, criminologico e di ogni altro genere, nonché nei fatti di cronaca che segnalano la persistenza di delitti e gruppi che si richiamano al culto di “latria” a Satana e alle sue schiere.
Esiste un ciclo di “Satana e del satanismo“,  basato sul suo carattere di “culto ombra” della Coscienza collettiva del genere umano,  che vede il pendolo oscillare fra  momenti storici di sottovalutazione ed anche ridicolizzazione del fenomeno, giudicato un retaggio di pratiche oscure e superstiziose, d’ irrazionali paure ataviche, sino al risorgere d’interesse per questa “Entità” , determinata dalla riscoperta che “Egli” è pur sempre là, così come il Mistero dell’Iniquità che rappresenta, anche per il verificarsi di  delitti connessi alle pratiche del satanismo,  e concludersi, alfine, in esagerazioni ed allarmismi assolutamente esagerati sul reale pericolo per la società nel suo complesso, alimentati anche da movimenti d’integralismo religioso.
Gli autori hanno cercato, arrestando, si spera, il pendolo ad un momento d’equilibrio e di stasi, di scandagliare a fondo il fenomeno del Satanismo, partendo alla consapevolezza che non può darsi alcun reale discorso su Satana, il satanismo e le sette sataniche se non nell’ambito di una  relazione di significato con i fondamenti della Teologia e del pensiero religioso, sopratutto cristiano e cattolico in  questa materia.
Chi è allora Satana, Il Diavolo , chi sono gli Angeli decaduti, quale è il loro potere d’agire nel Mondo, nella Storia e sugli Uomini? Perchè  è stato loro concesso  questo potere e quali sono i suoi limiti, quali relazioni vi sono fra il culto  a Satana, il Diavolo e fenomeni come la Magia, lo Spiritismo e la Stregoneria, vecchia e moderna? Quali sono i corretti criteri d’identificazione, i markers DNA indiscutibili del satanismo e della sette sataniche,  anche in relazione ad altre pratiche del Male, in Italia ed in altri Paesi?
Una vasta area di popolazione giovanile, che vive in un “eone” basato sull’assunzione di droghe di ogni tipo, ha come riferimento fondamentale il richiamo ossessivo a generi o sottogeneri della musica heavy metal, alimentata dal big business di importanti majors dell’industria musicale mondiale, musica che è apertamente impregnata di cultura idolatrica a Satana, ai Demoni,  di messaggi che incitano alla morte , alla distruzione  ed alla disumanizazzione, in breve, all’Abisso del sè.
Il testo  presenta un’ampia rivisitazione della complessa vicenda che tanto clamore ha suscitato, nel nostro Paese e dovunque nel mondo, degli omicidi della setta delle “Bestie di Satana“, che pur conclusa in sede processuale, rappresenta ancora il contesto problematico più importante nel quale scandagliare l’esistenza e l’effettività del “satanismo giovanile“, con originali contributi d’interviste dirette ad un autore dei delitti, Andrea Volpe che sta scontando la pena ed al padre di una delle vittime , Michele Tollis, padre di Fabio, ucciso assieme a Chiara Marino nei boschi  di Somma Lombardo. Michele Tollis per lunghi anni  si è aggirato  nella realtà del satanismo giovanile, alla ricerca di suo figlio.
I componenti di questo gruppo erano una “setta satanica”, quale era la loro reale cognizione dell’ideologia satanista, e delle principali teorizzazioni del satanismo moderno, così come sono esposte nelle linee teoriche essenziali anche nel presente libro? Perchè questi giovani e giovanissimi erano dediti  al “Male”, perchè realmente hanno ucciso  i loro amici?
A distanza di anni quel che emerge, quale risultante dell’attualizzazione d’analisi su questa vicenda, è che l’eco di questo dolore e di questo Abisso non si è ancora placato e, forse, richiede, se mai sarà possibile, una Riconciliazione  di cui Satana non sarà, si spera, stavolta testimone.

L’abisso del sé: Satanismo e Sette Sataniche
di Moreno Fiori, Alessia Micoli e Monti David
Giuffrè ed.
gennaio-febbraio 2011

Gli Autori
Moreno Fiori appartiene all’Ordine dei Domenicani ed attualmente è presso la sede di Cagliari. Teologo e criminologo è autore di diverse e note pubblicazioni sulle materie del Satanismo e delle sette sataniche, nonchè sullo Spiritismo e la Magia Nera. E’ stato cappellano della Polizia di Stato ed ha svolto, per un periodo, anche funzioni d’esorcista.
Alessia Micoli è psicologa e criminologa, dottore di ricerca presso l’Istituto di Medicina Legale, Università La Sapienza di Roma. E’ perito specializzato nei delitti contro i minori e nelle tecniche di audizione degli stessi. Ha pubblicato numerosi articoli in materia di psicologia e criminologia ed è coautrice, unitamente al dr. Monti di recente volume dal titolo: “La tutela penale del minore: aspetti sostanziali e processuali”, ed. CEDAM nov. 2010

Articoli Correlati o di Approfondimento

L’Abisso del Sé: Satanismo e Sette Sataniche

La presenza di un Entità, di un Essere, realmente esistente ed agente, denominato in infiniti modi ma essenzialmente come “Satana, il Diavolo” e non già di un Principio meramente metafisico, allegorico o simbolico della condizione di finitezza dell’essere umano e del suo complesso rapporto con la dimensione del “Male”, appartiene a tutte le epoche, le culture, le religioni.
Pur nei processi di secolarizzazione che caratterizzano la contemporaneità, questa presenza permane a volte in modo sotterraneo, a volte riemerge prepotentemente sia nel discorso religioso, in quello psicanalitico, antropologico, criminologico e di ogni altro genere, nonché nei fatti di cronaca che segnalano la persistenza di delitti e gruppi che si richiamano al culto di “latria” a Satana e alle sue schiere.

Leggi Tutto »
Condividi questo Post
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
ARTICOLI RECENTI
ARTICOLI CORRELATI
Iscriviti alla Newsletter