fbpx

L’esperienza cosciente, per le sue caratteristiche assolutamente peculiari, rappresenta un’autentica anomalia tra tutti gli altri fenomeni dell’universo. Questi, infatti, si prestano, almeno in linea di principio, a essere osservati oggettivamente, secondo modalità standard, mentre ciò non è possibile quando ci si occupa della coscienza, per definizione luogo degli stati e dei contenuti s...

Leggi di Più»

I progressi delle neuroscienze nella comprensione della struttura e del funzionamento del cervello, della mente e della coscienza sono destinati a riconsiderare in modo nuovo le nostre concezioni millenarie, a partire dai sistemi filosofici, morali e spirituali. Le ricerche condotte attraverso gli straordinari metodi di brain imaging mostrano sempre più che tutto ciò che proviam...

Leggi di Più»

Fra le molte teorie che continuano a venir elaborate per gettar un po’ di luce sul complesso fenomeno della coscienza, quella proposta recentemente da Marcello Massimini e Giulio Tononi nel loro libro, Nulla di più grande, non manca di un certo interesse. In breve, la teoria pone a fondamento del sorgere della coscienza due fattori principali: la capacità di discriminare tra un numero molto gr...

Leggi di Più»

Noi abbiamo una percezione di noi stessi, della nostra coscienza, come di un tutto intero e indivisibile; di un cosa, seppur poco chiara, tuttavia integra, unitaria, omogenea. Se fosse davvero così molti fenomeni di patologia della coscienza rimarrebbero inesplicati. La coscienza non è un monolite, ed esistono molte alterazioni parziali che lo dimostrano. Nelle prime pagine della Recherche di Pr...

Leggi di Più»

L’ultimo decennio del secolo scorso, gli anni ’90, è stato definito “il decennio del cervello” (Boella, 2008), a dimostrazione di quanto sia progressivamente sempre più crescente l’interesse da parte della comunità scientifica per i risultati che gli scienziati stanno conseguendo in campo neuroscientifico; sostiene Noë (2010) che “Viviamo in un’epoca di crescente entusiasmo per i...

Leggi di Più»

Una tendenza sempre più pronunciata degli ultimi anni, nell’ambito della riflessione sulla mente, è quella di mettere in discussione la stessa esistenza di fenomeni come l’esperienza cosciente o l’autonomia ordinariamente riconosciuta alla nostra volontà (libero arbitrio). La motivazione di fondo che sta dietro tali tentativi, al di là delle argomentazioni prodotte per giu...

Leggi di Più»

Nell’intossicazione da hashish si registra una curiosa espansione della prospettiva temporale. Pronunciamo una frase e prima di arrivare al termine, sembra che l’inizio risalga a un passato indefinito. Imbocchiamo una via di breve lunghezza ed è come se non dovessimo mai arrivare alla fine. (William James) Quale esperienza facciamo del tempo? C’è quello normale e quello che viviamo interi...

Leggi di Più»

Per introdurre il discorso sul risveglio della coscienza vorrei citare Primo Levi, da “Se questo è un uomo”: Ecco Pikolo apri gli orecchi e la mente, ho bisogno che tu capisca: Considerate vostra semenza: Fatti non foste a viver come bruti, Ma per seguir virtute e conoscenza. Come se anch’io lo sentissi per la prima volta: come uno squillo di tromba, come la voce di Dio. Per un momento ho d...

Leggi di Più»

“Se il cervello è al buio dentro una scatola, come fa a fare esperienza della luce dell'ambiente?...Le neuroscienze “ non hanno spiegato come e perché quest’attività elettrica diventi esperienza” (Manzotti R. Tagliasco V. (2008) L’esperienza. Perché i neuroni non spiegano tutto, Codice, Torino, p. 23) Prime riflessioni L’essere umano è un animale che di recente si è trasformato,...

Leggi di Più»

Con questo articolo mi propongo di contestare alcune tesi che popolano l’attuale dibattito sulla mente, in particolare quella secondo cui la coscienza non sarebbe indagabile scientificamente, in quanto fenomeno soggettivo, e quella ancor più radicale, seppur derivata strettamente dalla prima, tendente addirittura a mettere in discussione l’esistenza stessa del fenomeno. Prenderò come punto d...

Leggi di Più»