fbpx

Scuola

La Formazione Degli Insegnanti.

La pratica dell’insegnare -cioè quella di far imparare gli altri- talvolta ci fa perdere di vista il fatto che anche gli insegnanti hanno bisogno di imparare e di rinnovare costantemente la propria competenza professionale.
Considerando che i docenti rappresentano dei trasmettitori del sapere (uno degli strumenti attraverso cui i ragazzi si orientano nel mondo), è importante che siano in grado di sintonizzarsi con gli studenti; per questo si deve porre attenzione non solo alla loro professionalità e alla loro competenza, ma anche alla loro capacità relazionale e di costruzione di significati. Al fine di incrementare tali capacità sono nate le scuole di specializzazione integrativa.
Il lavoro di formazione non deve coinvolgere solo i singoli insegnanti ma tutta la struttura scolastica nelle sue modalità organizzative previste a livello collegiale, realizzando attività di sperimentazione, di ricerca/intervento costanti e continue.
Non è da dimenticare, però, la possibilità di un adeguato contatto con esperti esterni che fungano da referenti per le situazioni che esulano dalle competenze degli insegnanti, ai quali non si può richiedere un intervento onnicomprensivo.
Per alcuni autori c’è corrispondenza tra le caratteristiche personali dell’insegnante, la sua dimensione di calore/freddezza nel promuovere l’apprendimento, il suo stile d’insegnamento e la motivazione, il rendimento e l’autostima dell’alunno.
Gli studi di Moss e coll. hanno indicato che la soddisfazione degli studenti, la loro crescita personale ed i loro esiti scolastici sono favoriti soltanto se il calore e il sostegno dell’insegnante si accompagnano ad una organizzazione efficiente e all’organizzazione di lezioni ben focalizzate e chiare negli obiettivi.
Un settore particolarmente ricco è quello che studia le differenze tra gli “esperti” e i “novizi” in diversi contesti professionali e lavorativi:

  • la differenza non risiede tanto nel numero o nella qualità delle conoscenze possedute, ma piuttosto nella loro organizzazione. Gli insegnanti esperti hanno una rappresentazione della situazione educativa più complessa e nella quale gli aspetti rilevanti sono interconnessi e organizzati;
  • le competenze degli esperti sono più contestualizzate di quelle dei novizi;
  • le competenze e le pratiche degli esperti sono più flessibili di quelle dei novizi

Per diventare insegnanti esperti è necessario un periodo più o meno lungo di apprendistato all’interno del contesto sociale e organizzativo della scuola; spesso però l’insegnante novizio è lasciato solo, in questo caso il processo di costruzione di una competenza professionale esperta è più lungo e difficoltoso.
Da quanto detto, emerge che il mestiere dell’insegnante è una pratica lavorativa/sociale in quanto l’insegnamento si verifica in un contesto d’interazione sociale.

Agnese Fatighenti

Agnese Fatighenti

Aggiungi commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.