Informazioni sull'autore

Disponibile Solo versione Premium

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Disponibile Solo versione Premium

Il Volontariato Ospedaliero: un’indagine conoscitiva

Breve Estratto

Abstract
Il Volontariato Ospedaliero ha raggiunto una maggiore consapevolezza della propria identità e delle proprie funzioni e una più precisa collocazione nel sistema socio-sanitario ma deve anche garantire prestazioni più efficaci e tecnicamente corrette. Per questo la formazione ha assunto un ruolo fondamentale per rispondere adeguatamente alle aspettative e per permettere a chi si avvicina all’esperienza del volontariato di essere cosciente delle difficoltà  di tale esperienza.
 
 
 
Premessa
Negli ultimi anni c’è stato un aumento del fenomeno del volontariato in diversi ambiti e settori. Particolare rilievo ha avuto il volontariato in ambito sanitario. E’ una realtà che si è affermata sempre maggiormente negli ultimi anni, all’interno della quale si possono trovare i valori della solidarietà sociale, della partecipazione ed elementi caratterizzanti quali la spontaneità, la gratuità ed il servizio agli altri. Il volontariato ha raggiunto una maggiore consapevolezza della propria identità e delle proprie funzioni e una più precisa collocazione nel sistema socio-sanitario ma deve anche garantire una operatività efficace.  
In tal senso, la formazione ha assunto un ruolo fondamentale per rispondere adeguatamente alle aspettative e per permettere a chi si avvicina all’esperienza del volontariato di farlo coscienti delle difficoltà e delle possibilità di tale   una formazione di base che aiuti il volontario ad inserirsi con competenza nelle strutture dove è chiamato ad operare, ma è fondamentale anche una programmazione di un “continuum” formativo che permetta di ottimizzare il proprio contributo. Una formazione che riesca a focalizzare il ruolo del volontario visto all’interno della situazione in cui si inserisce, non dal punto di vista dell’aspetto organizzativo, ma sociale, culturale e motivazionale; che sappia far percepire e comprendere le modalità di approccio alla persona, la capacità di gestire conflitti e situazioni difficili, il proprio equilibrio psicologico e la capacità di mettersi in giuoco; che fornisca gli strumenti minimi indispensabili per poter iniziare un percorso, con margini minimi di errore, senza timore di incontrare “l’altro” con la sua malattia e sofferenza.

Scarica l´intero articolo in formato PDF

Condividi questo Post
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ARTICOLI RECENTI
ARTICOLI CORRELATI
Iscriviti alla Newsletter