Informazioni sull'autore

Disponibile Solo versione Premium

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Disponibile Solo versione Premium

E-learning, università e innovazione: i risultati di STEEL

Breve Estratto

Sono stati presentati, giovedì 3 novembre 2011 presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche di Roma, i risultati di STEEL: il sistema di e-learning per la formazione a distanza che si avvale dell’infrastruttura telematica innovativa realizzata dal CNIT.
Il progetto STEEL (Sistemi, Tecnologie abilitanti E mEtodi per la formazione a distanza) è stato finanziato dal MIUR nell’ambito del Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base (FIRB) ed è terminato nel luglio 2011. Nell’ambito del progetto è stato sviluppato un sistema di e-learning per la formazione a distanza a livello universitario e superiore, basato su un modello metodologico che prevede l’uso di diversi media e modalità di comunicazione e una piattaforma tecnologica integrata satellitare-terrestre.
Il sistema STEEL è stato sperimentato in un contesto reale nell’ambito di un’università telematica, in cui i docenti sono stati formati per favorire l’introduzione dei metodi e degli strumenti innovativi proposti.
“Il CNIT (Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni) – ha spiegato il Presidente, prof. Enrico Del Re – ha avuto la responsabilità scientifica del progetto, ha progettato e realizzato la infrastruttura telematica innovativa integrata satellitare-terrestre, utilizzata per la erogazione dei corsi pilota, che ha impiegato diverse tecnologie di comunicazione, cablate (ADSL) e radio (satellite, Wi-Fi, smart-phone). Il CNIT è inoltre stato il responsabile della gestione della infrastruttura per tutto il progetto, ha verificato le prestazioni con misure sul campo ed ha gestito la scelta della piattaforma software di erogazione dei corsi”.
Il convegno finale ha avuto come obiettivo quello di presentare i principali risultati del progetto e di fare il punto sulle potenzialità e le criticità dell’e-learning stimolando il dibattito anche a partire dal panorama europeo grazie all’intervento della prof.ssa Diana Laurillard (Institute of Education, University of London) che ha inquadrato il tema dell’ottimizzazione dell’online learning.

Condividi questo Post
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
ARTICOLI RECENTI
ARTICOLI CORRELATI
Iscriviti alla Newsletter