fbpx

Senza categoria

Da Alan M. Turing al Computer

J. Fodor è dell’idea che la mente non funziona a moduli, che l’architettura cognitiva sia di tipo adattiva (2001). Il nostro sistema cognitivo ha impiegato circa sette milioni di anni di evoluzione per dare i risultati che l’Homo sapiens sapiens riesce a sfruttare così egregiamente. Ci sono voluti circa quattro milioni di anni per raggiungere la posizione eretta, liberando così le mani dalla deambulazione, altri due milioni e ottocentomila anni di industria litica, per perfezionare le abilità costruttive, di progettazione e pianificazioni delle attività nel presente e nel futuro. E altri duecentomila anni per perfezionare le attività simboliche e di comunicazione sociale e personale. L’Homo sapiens sapiens Ha progettato e costruito macchine intelligenti in momenti di contingenza estrema, eventi bellici, allo scopo di decifrare codici e sfruttarne le grandi capacità di calcolo. Ma come avviene anche per l’evoluzione della nostra specie, i risultati di queste acquisizioni sono stati molto più grandi di quello sperato e programmato. Ci vorranno ancora parecchi anni perché l’intelligenza artificiale funzioni come quella della nostra specie. Forse quando abbiamo capito fino in fondo i meccanismi che regolano l’attività cognitiva umana, le macchine intelligenti saranno in grado di trovare il modo di evolversi come noi.

Picture of Marcello Andriola

Marcello Andriola

Aggiungi commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.