Informazioni sull'autore

Disponibile Solo versione Premium

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Disponibile Solo versione Premium

Bioenergetica e Sessualità

Breve Estratto

La bioenergetica si basa sul principio che essendo l’organismo una unità funzionale, anche la salute è un concetto unitario, questo significa che vi è un identità tra salute fisica e mentale, tra salute emozionale e sessuale.
L’unità dell’organismo può essere raffigurata da un cerchio in cui ogni aspetto della salute è in relazione con tutti gli altri e riflette lo stato di salute nella sua totalità.
Una interruzione in un punto qualunque del cerchio in questione, può quindi compromettere l’integrità dell’organismo e la sua salute.

Andando nello specifico, secondo i principi della bioenergetica, una delle ragioni per cui il ventre viene tenuto in dentro, è il tentativo di controllare e limitare le sensazioni sessuali, questa tendenza a trattenersi esercita anche gravi restrizioni sulla respirazione e riduce la percezione del proprio “grounding”.
Se si vuole essere vivi a livello sessuale, il bacino deve essere liberato e bisogna aprire la strada al flusso delle sensazioni sessuali, perciò il modo in cui una persona tiene il suo bacino è importante quanto il modo in cui tiene la sua testa.
Il disturbo più comune è quello di tenere in dentro il sedere, in tal caso il bacino è spinto in avanti e il sedere è tenuto serrato, in seguito a tutto ciò lo stress si concentra sulla parte inferiore della schiena e sulla zona lombo-sacrale.

Ma che cosa ha a che fare con il sesso l ‘inclinazione all’indietro del bacino?
Quando il bacino è in avanti si trova nella posizione di scarica, questo significa che ogni sensazione sessuale andrà a finire nella zona genitale, dove si trovano gli organi di scarico, quando il bacino è all’ indietro ma è sciolto, è in posizione di carica e si può riempire di sensazioni sessuali.
Il ventre rappresenta il serbatoio delle sensazioni sessuali e quando il bacino è in avanti e il ventre dentro, la funzione di serbatoio viene compromessa.
Un corpo vivo sessualmente è caratterizzato da un bacino che oscilla liberamente, cioè si muove spontaneamente e non viene spinto o rigirato.
Il movimento del bacino è legato ovviamente alla respirazione, ovvero: in avanti nell’espirazione e all’indietro nell’inspirazione.

L’approccio bioenergetico nella terapia sessuale viene associato per liberare la mente di una persona e il suo corpo della ansie e tensioni sessuali, in questo modo si restituisce mobilità al bacino.
Ma per essere efficace l’approccio fisico deve coinvolgere tutto il corpo, partendo dalle gambe, si arriverà in alto fino al bacino e successivamente sarà importante sviluppare il senso del proprio grounding;
infatti il senso della propria indipendenza sessuale in una relazione, ( cioè stare coi piedi per terra), è molto importante per dare al soggetto un senso di maturità nella sua espressione sessuale, inoltre è importante respirare profondamente nel ventre in modo coordinato al bacino, in questo modo il corpo partecipa pienamente alla risposta orgasmica.
Non bisogna mai stringere il sedere, in questo modo la tensione ci impedisce di lasciarci andare, (paura di andare di corpo e sporcarsi), questa paura è legata all’educazione infantile e nell’età adulta agisce a livello inconscio bloccando la scarica sessuale.

Seguiranno degli esercizi mirati in cui vi chiederemo di lasciar scendere il pavimento pelvico e di spingere l’ano in fuori, come se doveste defecare – non vi sporcherete –!

Esercizio di rotazione-oscillazione delle anche
Esercizio di inarcamento della schiena e oscillazione del bacino con respirazione

Lo scopo di questi esercizi non è di stimolare sensazioni genitali, infatti secondo la bioenergetica ciò che si sente può essere consapevolmente tenuto per sé o espresso a seconda delle circostanze, quando si sente qualcosa non è quindi necessario esprimerlo, ma è importante acquisire la capacità di esprimere ciò che sentiamo, ma quando e come farlo dipenderà da noi a seconda della situazione, il raggiungimento di un controllo consapevole di ciò che sentiamo è un fattore importante della padronanza di noi stessi.

Condividi questo Post
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ARTICOLI RECENTI
ARTICOLI CORRELATI
Iscriviti alla Newsletter