Informazioni sull'autore

Disponibile Solo versione Premium

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Disponibile Solo versione Premium

Seminario con Rodolfo de Bernart "Guerra e Pace"

Breve Estratto

Sabato 15 giugno 2013 – ore 9-18 -“Guerra e pace”
Il conflitto nella coppia, in famiglia e nel sociale – Seminario con Rodolfo de Bernart
(9 crediti E.C.M. – 6 Crediti AIMS)

La parola “conflitto” evoca facilmente immagini dolorose e sgradevoli; subito si pensa allo scontro, alla discussione aggressiva; facciamo fatica ad associarla a un’opportunità, a un’occasione di conoscenza e di crescita. Il conflitto non ha natura né benigna né maligna; è una possibilità che può essere usata bene o male. Il contesto in cui viviamo è più predisposto allo scontro che al dialogo, più indirizzato a vincere sul nemico che a risolvere il problema.  Guerra nei rapporti di coppia, in famiglia, tra i vicini, nel lavoro, nella scuola, nei gruppi amicali. Ecco allora la necessità di un’opera di mediazione che aiuti le parti a guardare più lontano, senza negare le sofferenze e, al tempo stesso, dando valore alla componente creativa del conflitto. Cambiamento di prospettiva, quindi, distanziandosi da un pensiero lineare basato sul rapporto causa – effetto, in cui s’individua un persecutore e una vittima, per arrivare a una visione di tipo circolare, che consente l’osservazione delle dinamiche relazionali che danno origine alle situazioni conflittuali. I conflitti negati o non elaborati conducono spesso a conflitti “mascherati” che si esprimono in modo sotterraneo, attraverso comportamenti passivo – aggressivi, di svalorizzazione dell’altro, di sarcasmo, di disconferma, ma che possono giungere anche a veri e propri sintomi. Da non trascurare inoltre che, anche coloro che vivono in contesti ad alto livello conflittuale sia esplicito sia implicito, non godono certo di buona salute psicologica. Basti pensare ai figli costantemente immersi in un clima bellico, che sono ben altro che spettatori passivi; essi divengono attori coinvolti in alleanze collusive e disturbate, si trasformano in antidepressivi, in ostaggi, in partner sostitutivi.
Durante il seminario il relatore si avvarrà, dal punto di vista più strettamente teorico, di slides che permetteranno di fissare i concetti chiave e, da un punto di vista pratico-esperienziale, di analisi di situazioni concrete relative alla clinica, alla mediazione e ai contesti sociali in genere, attraverso l’uso d’immagini e filmati inerenti le tematiche trattate e attraverso l’interazione con il gruppo.
Per informazioni e iscrizioni: info@terapiafamiliare.com tel. 0587 617027

Condividi questo Post
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
ARTICOLI RECENTI
ARTICOLI CORRELATI
Iscriviti alla Newsletter