fbpx

Azienda e Organizzazione

Come si Realizza un Sondaggio

Il sondaggio si struttura secondo alcune fasi di ricerca che sono riscontrabili in tutte le rilevazioni demoscopiche; in generale, possiamo dire che le fasi essenziali della ricerca sono cinque:
1.Definizione dell’obiettivo della ricerca e del livello di generalizzazione dei risultati. Entrambi questi elementi devono essere stabiliti in modo preciso prima di passare alle successive fasi di ricerca e non possono essere cambiati durante lo svolgimento del sondaggio, che altrimenti risulterebbe falsato.
2.Analisi preliminare del tema oggetto di studio. Visto che in caso di riscontro di anomalie o di errori durante lo svolgimento del sondaggio no esistono “antidoti” che possano correggere il lavoro già effettuato. E’ fondamentale che, per evitare di dover ricominciare tutto da capo, in queste fasi preliminari, si faccia la massima attenzione ad ogni dettaglio. Per questo motivo è bene avere una conoscenza approfondita del tema che si vuole studiare, analizzando la documentazione esistente su questo argomento.
3.Definizione delle modalità della rilevazione. Questa è la fase cruciale di ogni sondaggio, infatti a questo punto si prendono decisioni sulle quali non si può tornare e che determinano il successo o meno di una ricerca. Si devono definire: la scelta dello strumento per raccogliere le informazioni che meglio si adatti al tipo di sondaggio che dobbiamo svolgere, la determinazione del campione da intervistare, la scelta del periodo in cui effettuare il sondaggio e della lunghezza e grado di approfondimento del questionario.
4.Raccolta delle informazioni e controllo delle sostituzioni. A questo punto si entra nella fase operativa del sondaggio, il cosiddetto field-work. Il lavoro sul campo consiste nella realizzazione delle interviste, si tratta delle differenti modalità di gestione e somministrazione del questionario che è stato precedentemente pianificato. In questa fase del sondaggio riveste un ruolo molto importante il controllo del tasso di rifiuto e le relative sostituzioni da effettuare, anche perché ne va dell’attendibilità stessa dei risultati che emergeranno dalla ricerca. Infatti maggiore è la percentuale di coloro che non vogliono rispondere maggiore sarà la probabilità di ottenere risultati distorti, in particolare nel caso in cui si lavori su campioni di tipo probabilistico.
5.Registrazione, elaborazione, analisi dei dati raccolti. Questa può considerarsi la fase finale della realizzazione di un sondaggio, ora il ricercatore può dare una risposta agli interrogativi che lo avevano condotto alla decisione di effettuare un sondaggio. I dati grezzi delle risposte fornite dagli intervistati vengono registrati, nel caso delle interviste telefoniche questo avviene automaticamente, su supporti informatici. Si effettua, quindi, un controllo di coerenza dei primi risultati, i quali vengono poi passati al ricercatore, che con l’ausilio di appositi programmi informatici (i packages statistici), si occupa della loro rielaborazione e dell’analisi finale dei risultati. La durata di questa fase di analisi varia in relazione a diversi fattori, quali: la lunghezza del questionario, il livello di approfondimento desiderato, il grado di complessità delle varie analisi secondarie giudicate necessarie per le finalità che il sondaggio si pone e così via. Ci sono, ad esempio, sondaggi la cui rielaborazione necessita di mesi o addirittura di anni, altri invece, rendono disponibili i risultati quasi in tempo reale, questo è il caso degli exit-polls, cioè le rilevazioni all’uscita dei seggi.
Queste sono le fasi essenziali di ogni sondaggio, ma occorrerebbe aggiungerne una sesta nel caso in cui i risultati debbano essere presentati in pubblico e quindi diventino anche uno strumento di comunicazione.

Silvia Nocini

Silvia Nocini