Informazioni sull'autore

Disponibile Solo versione Premium

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Disponibile Solo versione Premium

Le Fasi del Mind Mapping

Breve Estratto

La mappa mentale è uno strumento creativo per la generazione e la rappresentazione delle idee e dei concetti secondo un’organizzazione visiva più simile a quella effettivamente utilizzata dalla mente.
La “rivoluzione” delle mappe mentali si deve a Tony Buzan che le inventò all’inizio degli anni sessanta. Da semplice sistema per la rapida stesura degli appunti, le mappe mentali si sono evolute nel tempo per diventare un vero e proprio metodo cognitivo. Tony Buzan ha formulato la teoria della cosiddetta “mental literacy“, che potremmo tradurre come “alfabetizzazione mentale”. La mente, secondo lui, può essere vista come una specie di Super Computer biologico di cui noi non conosciamo a fondo il “linguaggio macchina”. Serve un sistema che permetta di immagazzinare e richiamare le idee e i concetti con un metodo che sia più simile a quello effettivamente usato dal nostro cervello. Le mappe mentali sono un tentativo interpretativo in questa direzione.
La mappatura delle idee è utile per qualsiasi campo dell’esistenza: dal business alla famiglia, dai rapporti sociali a quelli personali
Essere creativi non vuol dire solo “avere delle belle idee”: tutti hanno delle idee, ma non per questo sono creativi! Un’idea senza un piano di sviluppo è fine a se stessa, non porta da nessuna parte. “Mappare un’idea” significa scrivere su una pagina bianca tutto ciò che vi viene in mente partendo da un problema, un concetto. Per creare la Mappatura dell’Idea il procedimento da seguire è questo:
FASE 1: Definisci il problema
FASE 2: scrivi al centro del tuo foglio una parola o una frase che descrive l’essenza del tuo problema e traccia un cerchio intorno: questa è la parola detta “Parola Detonatore”
FASE 3: senza pensare troppo comincia a scrivere tutto ciò che ti viene in mente riguardo al problema partendo dalla Parola Detonatore.
FASE 4: se alcune di queste parole sono in relazione tra loro collegale con delle frecce, costruendo associazioni, una connessione tra pensieri-chiave.
FASE 5: fermati e guarda la mappa cercando tre o quattro concetti principali o temi ricorrenti. Assegna una figura geometrica ad ogni concetto principale e metti questo stesso simbolo attorno alle parole che possono essere raggruppate con questo stesso concetto: si procede per “raggruppamento”.
Fase 6: crea uno schema di raggruppamenti. Mette le tre o quattro figure geometriche, con i concetti principali scritti all’interno, nella parte superiore di un altro foglio. Quindi elenca le parole correlate della mappa sotto ogni simbolo.
Fase 7: puoi trascrivere la mappa dell’idea in un altro foglio usando i concetti chiave come capoversi
Fase 8: rispetto alla tua bozza, scrivi le soluzioni suggerite al tuo problema o alla domanda.

Condividi questo Post
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
ARTICOLI RECENTI
ARTICOLI CORRELATI
Iscriviti alla Newsletter