Informazioni sull'autore

Disponibile Solo versione Premium

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Disponibile Solo versione Premium

Chi ha il Telecomando delle tue Emozioni?

Breve Estratto

Quando chiedo questo durante i miei corsi la gente rimane un po’ perplessa… il telecomando?
In che senso?
Il senso è molto semplice da spiegare: ci sono persone a cui diamo il potere di farci provare emozioni (positive o negative) e poi capita che ci lamentiamo che lo usino…
“Quando fai così mi fai arrabbiare” è la frase tipica con cui descriviamo questo “telecomando”: chi è il soggetto della frase? Io o qualcuno di esterno?E che ruolo ho io?
Se c’è qualcuno a cui io riconosco il potere di farmi arrabbiare o no, il fatto che succeda dipende solo da una sua decisione, io non conto più, in questo schema l’esterno agisce, io subisco. Punto.
Se questa è la nostra rappresentazione della realtà allora come possiamo sentirci diversamente?
Quello che ci dimentichiamo è che il potere di farci arrabbiare, di farci sentire felici o tristi lo possiamo dare (o togliere) solo noi alle persone.
Infatti ogni situazione che si verifica intorno a noi viene percepita dal nostro sistema sensoriale, questa informazione viene poi passata al nostro sistema cognitivo dove acquisisce un significato preciso, ad esempio il pianto di un bimbo può essere un dolore o una grande felicità se si tratta dei primi vagiti di un neonato.
Quindi il significato che abbiamo attribuito a quell’evento esterno determinerà il tipo di emozione che proveremo in quel momento.
Quando usiamo questo linguaggio de-responsabilizzante (“mi hai fatto arrabbiare”) è perché pensiamo veramente che sia normale che il nostro stato d’animo dipenda “dall’esterno”, che ci veda parte passiva e non attiva… ed ecco la buona notizia: il nostro stato d’animo, le nostre stesse emozioni siamo in grado di gestirle.
Gestirle non vuole dire negarle, non vuole nemmeno dire esaltarle ma nemmeno farle diventare la normalità a cui abituarsi
Per gestire al meglio le nostre emozioni è sufficiente che acquisiamo consapevolezza del modo nel quale le generiamo, dei significati che diamo alle cose, perché spesso non ci rendiamo conto di avere deciso che “quell’evento significa questa cosa” e questo accade anche perché a volte non siamo noi ad averlo deciso, ma abbiamo semplicemente accettato, con leggerezza, qualche regola di qualcun altro.
Quando il nostro sistema cognitivo ci dice che quell’evento significa quella certa cosa (es. il bimbo che piange significa che è nato mio figlio) allora il nostro cervello produce (tramite l’ipotalamo) una certa quantità di proteine (peptìdi) che vanno immediatamente in circolo nel nostro corpo, innestandosi nelle cellule stesse tramite specifici recettori.
Ripetendo spesso questo tipo di percorso evento-significato-emozione si arriva a generare una maggior capacità da parte delle nostre cellule di ricevere quelle specifiche proteine.
Il punto è che si arriva a creare una vera e propria dipendenza da un certo tipo di emozione e questo legame evento-emozione diventa anche bio-chimico, nel senso che il nostro corpo si assuefa alle sostanze emesse dal nostro ipotalamo in certi contesti, e così facendo continua a richiedere queste sostanze da un punto di vista chimico, continuando a spingere la persona dipendente verso situazioni che le consentano di vivere quell’emozione.
Non è un caso che si tenda a ripercorrere situazioni che ci generano certe emozioni, siano esse piacevoli o no…
Le persone sono esseri umani anche quando sono in azienda, infatti vedo tantissime volte ripetersi certi schemi di “dipendenza emotiva” che mantengono in vita comportamenti non funzionali né per l’azienda né per le persone stesse, semplicemente a causa di un “incastro emotivo”.
Ad esempio: “Il mio collega non mi rispetta perché quando deve fare un lavoro per me non lo finisce mai in tempo, e questo mi manda su tutte le furie, è un deficiente!”
Quando la rappresentazione delle cose è questa, non siamo certo nelle condizioni per collaborare al meglio con questo collega.
Si tratta allora di capire a chi abbiamo dato il telecomando, e soprattutto, se non ci piace che sia qualcun altro a decidere quali emozioni proveremo, riprendercelo.
Per fare questo i passi sono i seguenti:
1.Notare lo “schema di dipendenza emotiva che abbiamo creato”. (Consapevolezza)
2.Decidere che se questo schema non ci piace più possiamo cambiarlo perché dipende da noi (Self empowerment)
3.Notare che il nostro punto di vista sulla cosa non è l’unico, ma che possiamo assumerne un altro, più efficace. (Osservazione)
4.Mettere in pratica la nuova strategia che abbiamo stabilito e vedere come va (Sperimentazione)
Se non controlliamo le nostre emozioni saranno loro a controllare noi
Joe Dispenza

Condividi questo Post
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
ARTICOLI RECENTI
ARTICOLI CORRELATI
Iscriviti alla Newsletter