fbpx

La Teoria dell’Attaccamento: assunti di base La Teoria dell’Attaccamento (TdA) di John Bowlby (1969/1988) postula che l’essere umano presenti già dalla nascita una predisposizione innata a formare legami di attaccamento con le figure genitoriali primarie, le Figure di Attaccamento (FdA). Gli ormai famosi esperimenti Harlow (1961...

Leggi di Più»

Dalla Prefazione Quando John Bowlby si interrogò, per la prima volta, sulla relazione tra deprivazione materna e delinquenza giovanile, certamente non immaginava che il proprio lavoro avrebbe prodotto uno dei settori della ricerca più vasto, profondo e creativo della psicologia del XX secolo. Né tanto meno poteva immaginarlo Mary Ainsworth, rispondendo a un annuncio pubblicato...

Leggi di Più»

Al centro della grande ricerca di Bowlby sono le radici del legame affettivo tra madre e bambino, e i disturbi che insorgono dalla separazione e dalla perdita della figura materna. Il lavoro di Bowlby è basato sull’assunto che i comportamenti istintivi delle specie animali superiori e dell’uomo abbiano una matrice comune: l’inquadramento teorico gli è stato dunque fornito dall’etologia,...

Leggi di Più»

Dopo aver dimostrato, nel primo volume di quest´opera, che molte forme di psiconevrosi e altri disturbi del carattere sono da imputarsi alla privazione delle cure materne o a discontinuità nel rapporto tra il bambino e la figura materna. Bowlby si dedica qui a esporre i processi attraverso cui tali effetti negativi si producono e si sviluppano. Egli trae i propri concetti teorici basilari dal re...

Leggi di Più»

Bowlby affronta da una prospettiva del tutto nuova un concetto fondamentale della psicoanalisi, quello delle radici del legame affettivo tra madre e bambino. La natura e l´origine di tale legame sono studiate partendo dal presupposto secondo cui comportamenti istintivi delle specie animali superiori e dell´uomo devono avere una matrice comune: la ricerca di tale matrice per quanto riguarda il co...

Leggi di Più»