fbpx

Salute

Visualizzazioni e Allenamento Ideomotorio

Secondo Alberto Cei immaginare è un’attività che coinvolge non solo la vista ma anche il tatto, l’udito, i muscoli, insomma “è un pensiero di tutto il corpo”.
Ripercorrendo mentalmente tutte le tappe procedurali relative al compito è possibile fissarne le caratteristiche più salienti ed anticiparne eventuali difficoltà operative.
“I started visualizing in 1978. My visualization has been refined more and more as the years go on. That is what really got me the world record and the Olympic medals. I see myself swimming the race before the race really happens….. About 15 minutes before the race I always visualize the race in my mind and “see” how it will go. I see where everybody else is, and then I really focus on myself. I do not worry about anybody else. I think about my own race and nothing else.… You are really swimming the race. In my mind… I actually feel in the water.” (Highly successful Olympian-wimming) (Terry Orlick, John Partington, Mental Links to Excellence, The Sport Psychologist, 1988, 2, 105-130)
Liggett e Hamada, fanno una distinzione tra imagery mentale ed imagery cinestesica. L’imagery mentale consiste nel vedersi da soli eseguire la prestazione, nel caso degli atleti, come se si stesse guardando un film o un video della loro stessa prestazione. Nell’imagery cinestesica, l’immaginazione diventa più intensa o più profonda, l’atleta sente realmente il movimento nei muscoli e sperimenta le emozioni della performance; rispetto a quella mentale, l’imagery cinestesica è più efficace a causa degli impulsi, confrontabili a quelli dell’evento reale, che vanno ai muscoli.
Frester chiama Allenamento ideomotorio (Ai) “tutte quelle forme di esercitazione nelle quali si ha un’auto-rappresentazione mentale, sistematicamente ripetuta, e cosciente dell’azione motoria che deve essere appresa, perfezionata, stabilizzata o precisata, senza che si abbia un’esecuzione reale”.
Il funzionamento dell’Ai si basa sul fenomeno ideomotorio, noto anche come effetto Carpenter che a sua volta, si fonda sul fatto che immaginare un movimento determina una stimolazione, seppure molto lieve, dei muscoli interessati dall’attività immaginativa. si fonda sul fatto che immaginare un movimento determina una stimolazione, seppure molto lieve, dei muscoli interessati dall’attività immaginativa.
Il risultato sarebbe un rinforzo, un consolidamento della traccia mnestica nella memoria del movimento, il che faciliterebbe la successiva esecuzione concreta. L’atleta dovrebbe non solo guardare se stesso mentre esegue l’esercizio, ma dovrebbe sentirsi quanto più possibile; più è vivida l’imagery, più la prestazione aumenta. Per avere un’imagery efficace nello sport, l’immagine deve essere colorata, realistica, e coinvolgere le emozioni appropriate; l’imagery (sia visiva, che uditiva, che motoria) attiva molte aree corticali simili a quelle attivate quando percepiamo realmente un oggetto, una figura, un suono o eseguiamo un movimento.
“Se desiderate compiere qualcosa nella realtà, innanzitutto visualizzate voi stessi mentre riuscite a compierla.”
Fare in modo che la persona immagini l’intera prestazione dall’inizio alla fine facendo attenzione a sentire l’intero corpo, le sensazioni muscolari mentre fa questo, muovendosi all’interno dell’esperienza il più vividamente possibile e se c’è qualche distrazione suggerirgli che la può mettere in un contenitore e riprenderla in un secondo momento.
Una di queste tecniche è nota come “posto sicuro” e comporta la visualizzazione di una posizione reale o immaginaria che porta forti associazioni di relax. E’ un esercizio di visualizzazione per trasportare la persona da una situazione stressante in un luogo di pace e tranquillità: “chiudi gli occhi e respira profondamente; concentrati sul tuo respiro ed ascolta i battiti del cuore, in pochi secondi, immaginerai il tuo luogo preferito di relax: un fiume, una spiaggia, un prato; ora immagina di vedere il tuo posto sicuro da un balcone e vi è una scalinata di 10 gradini; ora inizia a scendere le scale e a ogni gradino diventi sempre più calmo, più rilassato; ogni gradino ti porta sempre più in profondità nel tuo meraviglioso luogo di relax e man mano che si scendono lentamente le scale riscontri un senso sempre più profondo di rilassamento in tutto il corpo; nel tuo luogo di relax, prenditi il tempo di immergerti nei panorami intorno a te, senti gli odori ed ascolta i suoni della musica preferita in sottofondo;sentiti sprofondare in uno stato sempre più profondo di rilassamento; mentre sei rilassato, regalati alcuni suggerimenti positivi e benefici, ad esempio, per aumentare la fiducia in te stesso, raggiungendo prestazioni di picco, o padronanza di una competenza specifica dello sport”.
Può diventare un modo efficace per mantenere la calma prima della gara.

Matteo Simone

Matteo Simone