La Zona di Sviluppo Prossimale

È quella zona identificata come area sensibile, dove si evidenzia la differenza tra ciò che il bambino sa fare da solo, e ciò che può fare con l’ausilio di una persona più competente; in questa situazione il piccolo interiorizza il dialogo riflettendo su quanto gli viene suggerito. L’apprendimento anticipa l’espressione di potenzialità già esistenti: tutto questo risulta di utilità sorprendente soprattutto in campo educativo e pedagogico: occuparsi di un bambino significa necessariamente adeguare il proprio intervento al singolo, agendo sulla sua personale zona di sviluppo prossimale.

Condividi questo articolo...Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento