evoluzione Archivio

Il Maschio nel Mondo Moderno

“L’emancipazione femminile ha reso la donna più dipendente dall’uomo, per la sua felicità” Nei tempi più recenti, le differenze uomo donna si sono appianate sempre di più. Le donne si sono emancipate, molte lavorano e sono in grado di procurarsi da vivere. Gli uomini, di converso, sono più autonomi nella cura del loro habitat, molti

Sviluppo e Riduzione Asimmetrica del Cervello umano II

Giorgio A. et all. hanno rilevato anche un significativo decremento volumetrico della sostanza grigia nella corteccia pre-frontale dorso laterale che risulta la struttura del lobo frontale con una più tardiva maturazione e con riduzione di sostanza grigia, solo alla fine dell’adolescenza. Ciò coincide con una tardiva mielinizzazione, suggerendo che la mielinizzazione e la potatura sinaptica

Sviluppo e Riduzione Asimmetrica del Cervello umano I

I voluminosi cervelli di Delfino e d’Elefante hanno per supporto una circolazione sanguigna con estese reti mirabili, frapposte tra cuore ed encefalo. Queste reti mirabili annullano quasi del tutto la pressione sistolica cardiaca ed arrecano un afflusso continuo di sangue, con basse pressioni. Dal punto di vista evolutivo, una circolazione arteriosa costante, ma con pressioni

Genere Homo, evoluzione di una Specie Microsmatica

L’olfatto, o odorato, è uno dei cinque «sensi specifici» e rende possibile, per mezzo di chemiorecettori, le percezioni di sostanze chimiche volatili e di gas presenti nell’aria. L’olfatto è funzionalmente connesso al senso del gusto, come dimostrato dalla comune osservazione che quando un raffreddore congestiona le cavità nasali, compromettendo la funzione olfattiva, i cibi hanno

Termodinamica, Campi Quantici e Funzioni Mentali – Terza Parte

20) Dualismo mente – Cervello. Considerando il cervello come uno strumento adatto allo conoscenza del mondo circostante, idoneo a rapportarci col nostro corpo e con la realtà esterna, allora si potrebbe ammettere un certo dualismo mente/cervello, essendo la mente una entità che usa uno strumento particolare come la materia cerebrale. In questo caso, il segmento

Termodinamica, Campi Quantici e Funzioni Mentali – Seconda Parte

5) La neurobiologia, i neuro trasmettitori cerebrali e la termodinamica. Il glutammato è un neuro-trasmettitore eccitatorio, prodotto dalle grosse cellule dell’intera corteccia cerebrale e dall’ippocampo. GABA è un neuro-trasmettitore inibitorio all’interno di sistemi locali di lungo raggio nella corteccia cerebrale e nel limbo. Oppiacei ed endorfine sono inibitori del S.N.C. e la loro azione inibitoria

Termodinamica, Campi Quantici e Funzioni Mentali – Prima Parte

Dal punto di vista evolutivo, è probabile che molti organi e tessuti abbiano avuto un ragguardevole incremento volumetrico al fine di mantenere costante in modo ottimale il proprio ambiente interno ed in generale dell’organismo vivente di cui sono parte. Ad esempio, il fegato, la milza ed i reni con le loro molteplici funzioni chimico –

Il Linguaggio Umano: Aspetti Evolutivi, Fisiologici e Patologici

Il sistema nervoso centrale ha elevato metabolismo con fabbisogno continuo di ossigeno e glucosio. Un ridotto apporto di ossigeno o di zuccheri semplici causa danni irreversibili, direttamente proporzionali alla severità e durata dell’alterazione. Il corretto funzionamento dei neuroni cerebrali dipende da una pressione sistolica e diastolica costante, in particolare nei centri del linguaggio dove c’è

Il Sistema Talamo Striato nell’Uomo, Scimmia e in altri Mammiferi

Nell’Uomo, il nucleo sub talamico di Luys, il nucleo rosso e la substantia nigra (sostanza nera) sono il sistema talamo striato. La presente ricerca indaga sul ruolo e funzione dei nuclei basali, sulle connessioni talamiche e sulla relativa irrorazione sanguigna. Nei mammiferi, i nuclei della base sono molto interconnessi e collegati con tutti i nuclei

Dimensione Frattale in Biologia ed in Medicina Umana

Nell’organismo umano, esistono fattori che contribuiscono a rendere stabili i suoi sistemi frattali biologici. Nel presente lavoro di anatomia comparata e di fisiologia, illustro alcuni di questi sistemi ad invarianza di scala; descrivo le principali forze che li determinano, li regolano e stabilizzano. Riporto altresì alcune patologie, collegate alle alterazioni della (FD) dimensione frattale. La