cinema Archivio

K-pax

Un raggio di luce illumina la stazione dei treni di Manhattan e un tizio con gli occhiali scuri appare come dal nulla proprio mentre sta avvenendo uno scippo. Viene fermato dalle guardie e siccome fornisce solo risposte bislacche (“vengo da un altro pianeta.. noi non utilizziamo bagagli..”), viene immediatamente pre-diagnosticato come “individuo mentalmente disturbato” e

La Tigre e il Dragone

“La tigre e il dragone” è un film che per le sue peculiarità potrebbe essere inquadrabile nel contesto psicologico transpersonale. Secondo uno dei tre fondatori della psicologia transpersonale – Roberto Assagioli; gli altri due sono Maslow e Jung – in questa psicologia “inclusiva” può confluire tutta quanta la psicologia occidentale più le teorie e le

Denti

Il film inizia con una giornata di Sole, durante una gita domenicale di Antonio (il protagonista), ancora bambino, che è costretto a seguire silenziosamente i suoi genitori che stanno litigando (il padre fa le scenate di gelosia alla madre) e con la narrazione di Sergio Rubini (Antonio-adulto), che si esprime con l´intensità di colui che

Shine

Un uomo parlotta tra sé come una persona che siamo abituati considerare “matta” oppure non dotata di tutte le rotelle di cui invece vorremmo essere dotati noi tutti.. Tra le parole si scorgono riferimenti a castighi e punizioni: è il Super-io a dominare questo monologo? La produzione si placa sulle parole “è un mistero.. è

Ospite d´inverno

Nell’intreccio di storie di vita quotidiana di cui è costituito il film “l’ospite d’inverno” centrale è la storia della famiglia nella quale si cerca di piangere il lutto di un marito/padre/genero che è venuto a mancare lasciando nel gruppo un vuoto pieno di ricordi. La storia di questa famiglia (come le altre del film del

Aaa Achille

“AAA Achille” è certo un film più leggero di quelli commentati finora. Ho creduto che valesse comunque la pena di lavorare su questa pellicola perché vi ho trovato alcune delle preziosità alle quali ci ha ormai abituati l´attore-regista Sergio Rubini. Achille è un bimbo affetto da balbuzie al quale muore l´amato padre. Si ha la

Forrest Gump

Una piuma volteggia nell´aria e percorre lo schermo danzando sullo sventolio della brezza lieve di una giornata primaverile. La piuma disegna arabeschi che incantano lo spettatore. Il tragitto della piuma finisce proprio tra le scarpe sporche di fango di Forrest Gump, il “differentemente abile” che mi ha incantato per due ore davanti allo schermo, facendomi

Donna, Psicanalisi e Cinema

Nel film Lettera da una sconosciuta (Letter from an Unknown Woman, Max Ophuls, 1948) la protagonista (Joan Fontane) cerca di ricostruire una storia d’amore con l’uomo da cui ha avuto un figlio, ma questi non se ne rende conto se non dopo una lettera postuma. L’appassionato inseguimento del sogno d’amore da parte della donna finisce